martedì 22 febbraio 2011

GELOSIA / CAPRICCI

Sofia, dopo 2 settimane a casa in malattia, è tornata, finalmente, all'asilo.

Devo dire che se la prima settimana di malattia è stata dura, le seconde due lo sono state molto di più, soprattutto perchè è emersa, prepotentemente, la gelosia.

Gelosia che si è manifestata in tutte le sue forme: capricci, in primis, a iosa, atteggiamenti di ribellione e di sfida, ma anche richieste insistenti di coccole nei momenti meno inopportuni e insofferenza nel vedermi allattare o prendermi cura di Emma (tanto, a volte, da prendersela pure con lei).

Sono state settimane che hanno messo a dura prova i miei nervi, che mi hanno sfinito psicologicamente e fisicamente e hanno messo in dubbio tutto quello in cui credevo dal punto di vista educativo.

Tutto quello che facevo sembrava non andare bene: la trattavo con dolcezza e pazienza e non ottenevo niente, se passavo alle punizioni e ai castighi ugualmente non ottenevo nulla, provavo a distrarla, men che meno, per non parlare delle sculacciate, beh, quelle sono servite solo a sentirmi, dopo, una madre degenere, con sensi di colpa grandi come una casa.

Non la riconoscevo più, a volte mi chiedevo se la bambina che avevo davanti era davvero la mia dolce Sofia, che fa si i capricci (quale bambino non li fa?!?!), ma poi parlando si trova sempre un punto d'accordo, un compromesso che accontenta entrambe, e soprattutto non durano un giorno intero.

Mi rendo conto che era il suo modo di esprimere la sua sofferenza per la nuova situazione, il suo modo per attirare l'attenzione, difatti in ogni momento di non tensione cercavo di starle vicina, per leggerle un libro, per abbracciarla, coccolarla, per giocare, insomma cercavo di farla sentire amata e importante come prima della nascita di Emma, ma dopo 5 minuti di idillio si ricadeva nel capriccio più logorante.

Ero così svuotata, triste e demotivata che davvero mi sono anche chiesta se la decisione di darle una sorellina sia stata buona... (lo so, lo so, ma nei momenti bui si pensa un po' a tutto ... ).

Da ieri siamo tornati alla quotidianità fatta di asilo, di lezioni di ginnastica ritmica iniziata prima che si ammalasse, di giochi con gli amichetti, di passeggiate all'aperto e speriamo che tutto ciò la aiuti a ritrovare il suo equilibrio e che la gelosia diminuisca.

Care amiche, avete mai vissuto momenti del genere con i vostri bambini?
come vi regolate? cosa fate?

Raccontatemi!

Avete un libro da consigliarmi per fare elaborare questo nuovo sentimento a Sofia?

Vi ringrazio di cuore e vi abbraccio

10 commenti:

  1. E' normale, poi passa! Un abbraccio.

    RispondiElimina
  2. Mi dispiace, ma penso che sia un pochino normale. Io non so darti nessun consiglio perchè ho solo un bimbo ma ricordo benissimo che ero tanto gelosa di mia sorella da piccola.

    RispondiElimina
  3. Coraggio che poi passa! Io ho un grande di 19 anni che è stato geloso del fratello, che ne ha otto, ma riusciva a tenere a bada la gelosia potendo usare la ragione. Quando è nato il più piccolo, il secondo ne aveva 2 e mezzo ed è stata davvero dura. A quell'età sono solo istinto e lui era disperato, come dici tu diventano irriconoscibili e tu ti chiedi dove sia finito il tuo meraviglioso bambino! La cosa che mi aiutava un po' era cercare di distrarlo, se hai delle persone attorno che possano occuparsi di Sofia, giocare con lei ,vicino a te naturalmente, puoi provare così.Anche la storia che Emma prima di nascere era su una nuvoletta e ha scelto proprio voi come famiglia perchè c' era una sorellina meravigliosa come Sofia può dare un pò di sollievo. La gelosia passerà e lascerà spazio ad una bellissima famiglia!

    RispondiElimina
  4. purtroppo non ho consigli o esperienza.. ho solo una bimba...
    ma ci tenevo a darti anche il mio incoraggiamento!...
    coraggio... vedrai che tra un pò la novità sorellina, diventerà "una nuova abitudine"...
    in bocca al lupo!

    RispondiElimina
  5. Carissima, mi pare di leggere nei miei pensieri ... anch'io alterno momenti di armonia a momenti in cui penso solo: ma chi me lo ha fatto fare, io non sono proprio adatta a fare la mamma!
    Poi però si tira avanti no? Comunque è proprio così come dici tu, sfibrante, altalenante, a volte persino triste. Le mie altre recensioni di libri già le conosci ma al momento sto leggendo un altro libro che trovo molto illuminante Genitori efficaci di ThomasGordon. Il metodo è quello dell'ascolto attivo (a cui ho già accennato in un post sul libro che hai anche tu) e con Orli ha la sua efficacia quando è applicato al momento giusto!
    Forza e coraggio compagna di avventura, ti sono vicino, e tanto :)!!!

    RispondiElimina
  6. Comincio con una consolazione: passerà.
    La gelosia è normale, lo sai, passa, in realtà credo che poi imparino a controllarla.
    Gaia (la più grande) non la ricordo particolarmente gelosa di Giada, ma Giada è arrivata molto presto nella sua vita, però Giada è molto possassiva nei miei confronti, tanto che quando IO la sgrido lei se la prende con sua sorella e la chiama "Gaiottola".
    Gaia proprio in questi giorni sta facendo capricci da "calo di attenzione nei suoi confronti", non quando mi occupo di sua sorella, ma quando ci sono altre persone, il che è forse più fastidioso.
    Consolati pensando che presto saranno complici e questi momenti saranno solo un ricordo delle varie fasi della crescita.

    RispondiElimina
  7. Ora ti pongo davanti ad una sfida: pensa a quando ad essere gelosa sarà anche Emma??? Da noi il "fratellino" è arrivato ormai 3 anni fa dopo mesi di preparazione psicologica e 1000 accorgimenti e tempo dedicato alla sorella maggiore dopo la sua nascita (3 anni di differenza) , eppure tutto ciò è servito poco e niente! Ora sono entrambi grandi, giocano spesso assieme (scelta obbligata direi...), a volte sono anche complici e si difendono...però sono entrambi ancora un po' gelosi l'uno dell'altra!!! Misurano TUTTO: dall'acqua che si versa nel bicchiere, al tempo che passano in braccio, ai baci che ricevono...insomma, sono sempre vigili nei confronti dell'altro e dei loro spazi! Penso che la gelosia dipenda molto anche dal carattere dei bambini e dall'attaccamento che hanno verso i loro spazi, i loro oggetti, le persone che amano...c'è chi lo è di più e chi meno, chi accetta meglio le intrusioni chi invece non le sopporta proprio...ti auguro che lo sfogo di Sofia sia stato accentuato anche dal suo malessere e che presto la situazione torni sotto controllo!!

    RispondiElimina
  8. Dimenticavo...
    Anche da noi si è manifestata presto la gelosia per lo stesso oggetto, liti infinite per il possesso di una sedia, quando ce n'è un'altra identica disponibile.
    Abbiamo risolto con i simboli, ciascuna ha il suo simbolo e se ci sono due cose uguali, come le sedie del loro tavolino, ciascuna sedia è contrassegnata dal rispettivo simbolo.

    RispondiElimina
  9. A me è capitata la stesa cosa quando è nato Valentino. Linda aveva 2 anni e 2 mesi e nonostante bbia cercato di prepararla, parlandole, leggendo libri sull'arrvi di un fratello, coccolandola....quando 14 mesi fa è arrivato VAle, i primi mesi x me sono stati durissimi.
    Lei ancora non andava all'asilo e la sua routin è stata stravolta, visto che io ero a casa dal lavoro e che c'era acnhe lui da allattare, cambiare, addormentare...Linda voleva aiutarmi ma spesso non aveva la delicatezza nel toccarlo e gli faceva male. Quando poi arrivavano parenti in visita, un vero inferno: una volta gli ha tirato in testa una bambolina mentre allattavo, un altra gli ha emsso un dito nell'occhio.
    Anche io come te le ho provate tutte, ma non so se hanno funzionato, ma credo piu che sia stato il tempo e l'abitudine a sistemare un po le cose. Ora va molto meglio, ma di certo non ha mai uno slancio di affeto verso il fratello. Spesso però giocano insieme, lui inizia a camminare e a corrergli dietro e a lei piace.
    Come libro ti consiglio questo: http://www.unilibro.it/find_buy/Scheda/libreria/autore-scalisi_raffaella/sku-112581/la_gelosia_tra_fratelli_come_aiutare_i_nostri_figli_ad_accettare_il_nuovo_arrivato_.htm Non ci sono consigli, ma spiegazioni sui vari tipi di gelosia e sul fatto che è bene essere gelosi, altrimenti vuol dire che non sono molto legati ai genitori.
    Non serve a molto, però a me ha tirato su di moralee dato piu forza per continuare.
    Un bacio e piacere di conoscerti

    RispondiElimina
  10. @Mariacristina: se lo dici tu che ne tre di figli ci credo!! grazie!!! baci :-)
    @Pollon: si, la gelosia è normale, anzi è meglio che Sofia la esterni, sarebbe A-normale il contrario, ma quanto è dura!!! grazie del sostegno! bacini al tuo topastro!
    @Angela: grazie per avermi raccontato la tua esperienza! per fortuna ci sono i nonni e gli zii che spesso stanno con Sofia anche se devo dire che la viziano un pochino... cosa che è controproducente dall'altro lato, ma per ora va bene così... ora che è tornata all'asilo e alla sua routine va un pochino meglio e speriamo che con l'arrivo della primavera migliori ancora di più. che bella la storiella della nuvoletta, sicuramente glielo dirò! grazie!! baci
    @Kikka: grazie del sostegno e un bacino alla piccola Giulia!! :-)
    @ Silvia: grazie, grazie, grazie. non sai quanto di conforto mi siano le tue parole. anch'io a volte mi dico che non sono proprio adatta a fare la mamma, che vorrei di nuovo poter gestire il mio tempo senza pensare prima alle due piccole, e tante altre cose ma poi un sorriso di Emma e un abbraccio di Sofia mi fanno capire che forse ne vale la pena fare questi sacrifici... un bacione e grazie della dritta del libro, ne avevo già letto qualche recensione positiva ma non mi ero ancora decisa a prenderlo!!!
    @orma: grazie carissima, speravo in una tua parola! anche Sofia all'inizio faceva capricci in presenza di altre persone quando venivano a trovarci per conoscere Emma. anche quella situazione è molto snervante perchè ci vuole un self control ai massimi livelli. ora va un po' meglio, forse perchè non è più la novità. mi ricorderò la strategia del simbolo quando arriverà il momento!! un bacione a te e alle tue piccolette!
    @Mammabradipo: quando anche Emma sarà gelosa ti penserò tanto!!!!! ;-))
    ora come ora ti dico: nooooo, non posso farcela, ma poi verrà anche quel momento e cercherò d'essere preparata, inutile fasciarsi la testa prima del tempo. è vero, Sofia è molto attaccata a me, lo è sempre stata, a volte la chiamo "la mia piccola ombra", pensa il livello!! ma già in qs giorni è un po' più tranquilla, e spesso quando mi chiede le coccole anche nei momenti meno opportuni cerco di andarle incontro con un bacio o una carezza. a volte basta, a volte no. dipende tutto dall'umore, dal momento, dalla circostanza. ah, mi sembra d'essere sempre un funambolo in perenne ricerca dell'equilibrio per non cadere di sotto!! un bacione!!!
    @mammagiochiamo: piacere di conoscere te e benvenuta!! ho visto il tuo blog, complimenti è bellissimo. ci tornerò con calma! e complimenti per i tuoi bimbi, sono bellissimi.
    nelle tue parole mi sembra di rileggere la mia situazione!! grazie dell'incoraggiamento e del consiglio per il libro, lo prenderò sicuramente! torna a trovarmi!! baci :-))

    RispondiElimina

Il tuo commento è prezioso per me, grazie per aver trovato il tempo per fermarti e condividere il tuo pensiero!

*** Ai post un po' datati ho applicato la moderazione altrimenti, con la testa che mi ritrovo, i commenti rimarrebbero nel limbo!***




LinkWithin

Related Posts with Thumbnails