giovedì 15 luglio 2010

Sai cosa gli dai da mangiare?

Ci sono due frasi che utimamente mi fanno saltare la mosca al naso:

1. l'hanno detto in televisione

2. è apposta per i bambini


La prima la dice spesso mia mamma, classe '45: cresciuta nel secondo dopoguerra ha accolto la televisione come un miracolo e tutt'ora la considera dispensatrice di verità assoluta. Io cerco di farle capire che al contrario bisogna diffidare di quello che viene detto in tv, soprattutto in questo periodo storico e soprattutto qui in Italia, ma NON MI CREDE!

La seconda frase la sento almeno 1 volta al giorno da più parti: mamme, nonni, zie/ii, amiche... Io la butto in ridere dicendo che NON tutto quello che l'industria fa per i bambini fa necessariamente BENE ai bambini... e tutti mi guardano con occhi sgranati, come se dicessi una bestemmia. Già, quanto è difficile essere la voce fuori dal coro...

Abbiamo già letto qui che uno shampoo venduto per bambini ha all'interno sostanze che posssono SOLO NUOCERE alla cute delicatissima di un bambino.

E nel cibo?

Siamo così sicuri che i cibi per bambini siano privi di elementi tossici o dannosi per loro? Gli osannati omogeneizzati cosa contengono? (Ammetto Sofia ne ha mangiati, parecchi, di omogeneizzati, sono pratici, veloci, ma ora come ora mi viene male al pensiero di presentarli alla prossima nascitura!). E le pappe pronte? Ultimamente poi ho mangiato dei famosissimi biscotti al cioccolato con le stelline di una notissima marca... beh sono così zuccherati ma così zuccherati da farmi venire il diabete anche se non ce l'ho!!

Quante ricerche hanno fatto in USA il cui risultato è che l'alto contenuto di coloranti presente nei cibi per bambini sono una delle con-cause della così detta iperattività? quanti di voi hanno notato la differenza nel bimbo stesso a seconda che si nutra di cibi sani e genuini e solo merendine /patatine / snacks? Per non parlare di tutti i cerali da colazione addizzionati a tutto quello che è possibile e immaginabile e che quindi danno l'impressione di fornire tutti i principi nutritivi giusti per i bambini e che invece sono anche questi solo una con-causa dell'obesità dei nostri figli.


Sappiamo BENE cosa c'è dentro a quello che diamo da mangiare ai nostri figli?

IO NO! e cerco di tenere gli occhi aperti.

Sia ben chiaro, non sono una fanatica nè un'estremista, ma a volte vedo a casa di amici interi scomparti della dispensa dedicati alle merendine di ogni tipo e genere /succhi di frutta / caramelle / bevande gasate ecc. Ok, uno fa quello che vuole a casa sua, non discuto, però permettetemi lo stupore, è una cosa a cui non sono mai stata abituata io da piccola e a cui non voglio assolutamente abituare Sofia.


Al di là di tutto, proprio per fare capire che sono una mamma normale e per non far sentire in colpa nessuno, anche Sofia mangia merendine della K**der, in frigo ci sono anche degli yogurt colorati richiesti da lei e al mattino il latte da un paio di mesi a sta parte è addizzionato al Ne**uik.


Lo so, schifezze, ma IO SO che sono schifezze e che anche se vendute "per bambini" sicuramente non sono dei cibi genuini e soprattutto non ho la coscienza a posto perchè le sto dando qualcosa che sulla confezione dichiara d'essere studiato per i più piccoli. Ormai certe cose me chiede lei e se su qualche richiesta dribblo su altre cedo... e che per fortuna di pubblicità ne vede davvero poca!

Molte di voi possono solo insegnarmi sull'argomento, lo so, hanno già imboccato strade più biologiche ed eco compatibili della mia. Io sono solo all'inizio. Ma quello che voglio dire è di stare all'erta, sempre, di non bere tutto quello che l'industria ci propina, d'essere critici e consapevoli.


Per approfondire:


http://www.saicosamangi.info/


Due libri che ho appena ordinato e di cui vi saprò dire di più:



Occhio alle merendine!


I mostri nel mio frigorifero


Ma ... a voi... quali sono le frasi che più vi fanno saltare la mosca al naso?

17 commenti:

  1. Come ti capisco!!!
    La prima frase la dice SEMPRE mia suocera e noi ci ridiamo un po' sopra...(anche lei classe '45).

    E la seconda idem.

    Anche io ho "I mostri nel tuo frigorifero" l'ho preso alla fiera "Fà la cosa giusta".

    Comunque..."Non ragioniam di lor, ma guarda e passa".

    RispondiElimina
  2. "ma sì, cosa vuoi che gli faccia una ogni tanto..." certo. una ogni tanto... non una al giorno o peggio e poi da lì comincia tutto!!!
    Capisco quello che dici perchè sto combattendo un'inutile lotta contro mia suocera, che, grazie al cielo, è solo in questo periodo estivo che mi aiuta col piccolo all'ora di pranzo.. E' vero lui mangia poco.. ma questo non deve indurla a dargli ogni giorno una merendina di una notissima marca (Ha 21 mesi!!!) nè a dargli caramelle! A maggior ragione ora che è piccolo! Avrà tutto il tempo di mangiare schifezze quando sarà un po' più grande e non riuscirò a dirgli sempre di no... perchè cominciare prima del tempo???? Darò un'occhiata al sito che consigli!

    RispondiElimina
  3. Mi sono dimenticata il clic ai commenti...Pardon

    RispondiElimina
  4. non dirmi delle dispense "ripiene" di merendine/biscotti/snack e altro, io non ne prendo, principalmente perchè Donnina non ne mangia e di conseguenza, Ometto non le ha nemmeno mai assaggiate (lui mangerebbe anche i sassi) ...sono gli stessi genitori che parlandoti del problema grave di stitichezza della figlia ti dicono "ehh cosa vuoi, mangia un sacco di cioccolata"....beh, fare a meno di comprarla è un delitto? E poi, quando guardo i prezzi, mi chiedo quanti soldi si spenda per mangiare pure male!
    "I mostri nel mio frigorifero" l'ho letto e ti confesso che per un mese mi venivano le allucinazioni ogni volta che pensavo a cosa preparare per pranzo/cena che non fosse inquinato!
    @una cuccia per gatti e bambini:
    amch'io dico sempre "hanno tempo per mangiare schifezze, non devo per forza obbligarli io!"

    RispondiElimina
  5. concordo
    qualche cosa la concedo ma davvero poche e a volte solo perchè è mio marito a comprarle anche se io gli dico di non farlo..santa pazienza :)
    per fortuna letizia non è troppo da merendine..il golosastro a casa mia è mio marito.
    ah la frase che hai scritto: LA VOCE FUORI DAL CORO..
    non avrei potuto esprimermi meglio..quante volte mi sento un'aliena quando esprimo un pensiero..a volte anche su cose su cui tutti bisognerebbe essere d'accordo..come mettere sempre le cinture ai bambini..c'è chi non lo fa..e la strana sono io?
    come stai? spero bene..questo caldo non aiuta.
    baci alle piccole :)
    Antonella

    RispondiElimina
  6. E' bellissimo questo post, proprio quello che penso anch'io e che cerco, spesso inutilmente, di spiegare agli altri... e anche in quello che mangiamo noi ci sono tante di quelle schifezze!! Basti pensare al prosciutto cotto, ideale per bembini, secondo tradizione, e invece ricchissimo di conservanti!

    RispondiElimina
  7. Questa mattina ho trascorso tre ore a filtrare ribes per fare lo sciroppo, che a noi piace bere un pochino di sciroppo nell'acqua... e mi chiedevo "ma perchè cavolo negli sciroppi del supermercato ci mettono tanti coloranti? Guarda che rosso è diventato il mio, quando ci metto solo acqua, frutta e zucchero!"
    Come te cara Smile non sono un'estremista, i miei a colazione si pappano i cereali ma anche una fettina di pane burro e marmellata (fatta da me, o dalla suocera o dalla nonna), e accanto ai biscotti fatti da me ci sono a volte anche quelli del supermercato... però mi piace sapere da dove viene quello che mangio, e quindi la carne la compro dalla contadina, la frutta dalla cooperativa di reinserimento certificata Bio, la frutta per la marmellata nell'orto della mamma di un'amica... omogeneizzati ne hanno di sicuro mangiati anche i miei, ma saltuariamente quando non avevo tempo o modo di fare minestrine casalinghe... insomma, approvo in pieno il tuo post!

    RispondiElimina
  8. Sei proprio arrabbiata!
    :)
    Secondo me, il tutto sta nel giusto mezzo. Io non ho figli, ho me e mio marito, ed entrambi, fin che possiamo volgiamo alimentarci nel modo corretto. Quindi cibo bio, frutta e verdura bio dell'orto di mia mamma o dell'orto bio dove vado a fare la spesa, solo aromi naturali, niente coloranti, etc. Tutto ciò a casa.
    Quando siamo fuori, pazienza!
    E se glialtri non capiscono?
    Pazienza...basta che rispettino le mie scelte e quando dico no è no!
    E poi c'è anche la variabile tempo. Io adoro cucinare, fare le marmellate, i dolci, preparae i pranzetti per mio marito da congelare così lui a pranzo mangia bene però non sempre ci riesco...pazienza...l'importante è non prendersela troppo.
    :)

    RispondiElimina
  9. guarda, io ormai credo che spesso sfocio nell'estremismo, ma preferisco così, e dire che anche io un paio di anni fa mi facevo meno scrupoli, ma adesso mi rendo conto che li avveleno i miei figli. Quest'anno con dieta bio anche a scuola e quasi tutto homemade, devo dire che un risultato l'ho ottenuto... non si sono ammalati!!!! Sarà una coincidenza? bo, io intanto proseguo, con grande fatica, lottando contro corrente!
    bellissimo post, sempre meglio parlarne di più che di meno, è anche una questione di cultura dominante, quindi facciamo in modo che diventi questa la cultura dominante!
    un abbraccio

    RispondiElimina
  10. ESAGERATA ... è questa la parola che mi sento dire spesso ... anche io sono fra quelle mamme che non hanno reparti merendine succhi bibite... A casa nulla di tutto ciò. Sono cose che non fanno bene per cui ai compleanni degli amici e a casa degli altri , moderatamente , quando vengono offerte ... I bambini imparano anche ad apprezzare il gusto delle cose e i miei amano tanto i dessert semplici , ricotta con un filo di miele ...pane e miele ... dolci fatti in casa con zuccheri non raffinati e scarsi. Però queste cose rendono impopolari ... i miei genitori si scandalizzano quando vedono la mia dispense ... salvo poi riprendersi quando assaggiano le mie torte salate alle verdure... Ci vuole coraggio per andare nella direzione giuste anche quendo tutti , spinti dalla televisione , ci dicono che non c'è niente di meglio che una bella , unta e stradolce , merendina ai conservanti .... ti abbraccio ...

    RispondiElimina
  11. "L'hai sempre mangiato/fatto anche tu e non sei mai morta" ecco la frase ricatto di mia mamma quando le vieto di dare/far fare qualcosa ai bimbi...fosse per lei avrei dovuto svezzarli a 3 mesi e dargli subito il latte vaccino "tanto a te ho dato subito quello appena munto allungato con l'acqua e sei ancora viva"
    Che nervi!

    RispondiElimina
  12. Onestamente anch'io non estremizzo ma al momento dello shopping non compro MAI le cosiddette schifezze (confezionato, dolcificato, markettizzato, etc.)... poi se succede che si mangia fuori o si è in giro senza le riserve da casa allora se scappa qualcosa di extra mi dico sempre che sono "anticorpi anti-schifezza" e giù lo stesso! In fondo non voglio nemmeno diventare schiava delle mie scelte salutiste ;-) no? Bel post comunque, sempre meglio parlarne!

    RispondiElimina
  13. non posso che non essere daccordo con te, purtroppo per quanto cerchi di evitare anche solo di comprare cibo spazzatura a volte non riesco proprio a dirgli di no .Per fortuna mio figlio và matto per i budini che gli preparo e si accontenta anche di pane ,burro e cioccolata ma se andiamo al supermecato insieme e vede le merendine me le chiede esplicitamente, per fortuna ho imprato neppure fossi una campionessa di sci a fare lo slalom tra le varie corsie come quella di pacciughi e schifezze varie anche se devo dire i supermercati sono diventati bravissimi a trovare il modo per farglieli trovare magari giusto alle casse a portata di bambino

    RispondiElimina
  14. Per i gerani contri i malefici bruchi: insetticida Decis jet della Bayern, si diluisce in acqua, noi l'abbiamo preso da Ingegnoli, efficacissimo! Ciao:)

    RispondiElimina
  15. Anche mia madre mi fa impazzire con la frase "l'ha detto la televisione" (deve essere proprio una tara generazionale!).
    Per quanto riguarda l'alimentazione, sono sulla strada di una maggiore consapevolezza, quest'inverno sono passata al biologico quasi in toto. A casa mia c'è uno scaffale "colazione e merenda", che contiene fette biscottate integrali, biscotti artigianali, gallette di riso e cereali (ci sono quelli integrali e anche i famosi anellini al miele di una nota multinazionale...), sullo stesso scaffale si trovano le tazze e le cannucce, per il massimo di autonomia. Il Nes**k ho provato a sostituirlo con un prodotto bio, ma è scoppiata una sommossa: sono tornato a quello di supermercato, che però usano solo un paio dei miei figli, e neppure sempre.
    Il latte è biologico. Faccio circa una torta al giorno, per non suscitare il rimpianto di quelle industriali.
    Non ci sono merendine, ma se vengono offerte loro non mi scandalizzo. Cerco insomma di far trovare cose buone, alcune non perfette, ma senza integralismi, perché so bene che le cose proibite sono quelle col maggior fascino.
    Per la merenda a scuola faccio dei piccoli panini al prosciutto, oppure do loro della frutta, o ancora delle monoporzioni di cereali o un pacchetto di crackers all'olio di oliva (senza grassi strani).
    Le bibite tipo cola o aranciate si bevono, ma solo in occasioni speciali (festa, oppure eccezionalmente con la pizza). Per il resto cerco di non lasciarle a disposizione. Devo dire che inizialmente, quando si vuole cambiare, sembra di dover fare un gran lavoro, convincere i bambini, cambiare le proprie abitudini, cambiare il modo di fare la spesa... ma col tempo e con una certa gradualità si vede che non è poi così difficile come sembra. E se ogni tanto si fa un'eccezione, si può rimanere tranquille.

    RispondiElimina
  16. Come vi capisco,ultimamente non ne posso più neanch'io di sentirmi dire che è fatto per i bambini solo perchè sull'etichetta c'è la faccia di un bambino felice o l'immagine di qualche cartone animato. quando il mio 2' figlio aveva 6 mesi scopro che era fortemente anemico e dopèo avergli fatto la cura, visto che non ne voleva sapere di mangiare altro che il mio latte fino a 11 mesi,dalla disperazione cerco dei biscotti che avessero arricchimeto di ferro. Trovati! "arricchiti con ferro" c'era scritto bello in grande. Solo a casa però mi metto a leggere gli ingredienti ed il ferro era al penultimo posto (sapete che gli iongredienti sono in scala di quantità, dal più presente al meno presente) bella sorpresa. Se una persona non si fa domande di per se ci propinano quello che vogliono...non solo sul mangiare...

    RispondiElimina

Il tuo commento è prezioso per me, grazie per aver trovato il tempo per fermarti e condividere il tuo pensiero!

*** Ai post un po' datati ho applicato la moderazione altrimenti, con la testa che mi ritrovo, i commenti rimarrebbero nel limbo!***




LinkWithin

Related Posts with Thumbnails