venerdì 18 maggio 2012

Il Fuggiasco - Massimo Carlotto

E' il 20 Gennaio 1976.

Massimo, studente appartenente a Lotta Continua, si trova per caso ad essere testimone di un omicidio appena avvenuto. Va alla polizia a denunciare il fatto, ma, inspiegabilmente, viene invece trattenuto e arrestato prima che sia iniziata qualsiasi indagine.

Da quel momento la sua vita verrà stravolta: Massimo, a causa dei contorti meccanismi della giustizia italiana, subirà 11 processi, si presenterà davanti a 86 giudici, vivrà 6 anni in carcere e 5 in latitanza. Sì, perché dopo un’ennesima sconfitta davanti ai giudici, decide di fuggire a Parigi e diventa così un “latitante per caso”.

Il Fuggiasco è un libro in cui Carlotto ci narra le sue peripezie nel periodo di latitanza tra Parigi, Barcellona e Città del Messico, ma soprattutto vuole “descrivere la vita, i comportamenti e la quotidianità di chi latitante lo è diventato per caso”. Una quotidianità fatta di cambi di identità (Massimo diventa Bernard, Josè e Jason a seconda della città in cui vive perché “il look per un latitante è fondamentale … di qui la necessità di un buon livello di recitazione e di una cura maniacale per i dettagli”), alienante solitudine, speranze deluse e fiducia mal riposta, in cui Massimo trova conforto solo nei suoi genitori, che lo seguono da lontano, e nella sua ragazza, che nei primi anni di latitanza lo raggiunge spesso.
Ma soprattutto lo aiuta il gruppo di esuli conosciuti a Parigi: “Avevo bisogno di aiuto e ne ho ricevuto tanto, senza poter mai ricambiare. Ho conosciuto gente meravigliosa alla quale devo la mia cresciuta umana. Ero arrivato gridando la mia disperazione di vittima di un errore giudiziario, ma di fronte all’enormità degli orrori che segnavano la comunità egli esuli greci, turchi, curdi, argentini, cileni, iraniani, mi sono subito zittito e ho imparato il valore della dignità.

Quando, dopo 5 anni di latitanza, stremato e soprattutto molto malato, decide di tornare in Italia e consegnarsi alla giustizia, Massimo scopre che nessuno lo sta cercando: paradossalmente il suo mandato di cattura è andato smarrito.
La vicenda si conclude nel 1993, dopo 17 anni dal delitto, quando arriva la grazia del Presidente della Repubblica Oscar Luigi Scalfaro, richiesta da gruppi formatisi in suo nome grazie all’attenzione della stampa internazionale.

Il Fuggiasco è un libro che trasporta, ci si domanda come fa una persona a sopportare tanta ingiustizia. Nonostante parli di una storia triste e a tratti angosciante si legge velocemente e la lettura è piacevole e vivace.
Ogni pagina è ricca di spunti di riflessione e non mancano poi i momenti ironici e  soprattutto autoironici.

Da leggere!!!

Bellissimo anche il film tratto dal libro, diretto da Andrea Manni e interpretato da Daniele Liotti.

*******

Massimo Carlotto è ora un famosissimo scrittori di romanzi noir.

*******

Con questo post partecipo al Venerdì del libro di Homemademamma.

La lista delle altre partecipanti la trovate qui.

Buon weekend a tutti!

14 commenti:

  1. Ciao,
    un libro forte! Me lo segno per i miei momenti di "approfondimento" che ultimamente grazie a tutet voi del Venerdi' del libro sono molti :-)

    Buon fine settimana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Paola, io dovrei vivere almeno due vite per poter leggere tutti i libri che ho sulla mia lista dei libri da leggere!!! ;-) qualcosa che mi dice che devo selezionare ...

      Buona settimana a te!

      baci e grazie ancora per questa bella iniziativa!

      Elimina
  2. Un libro che non lascia indifferenti, grazie, me lo annoto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Monica, Se lo leggerai mi interessa molto sentire la tua opinione! baci

      Elimina
  3. Un libro per la mia estate, ottimo consiglio. Grazia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Estate? what's estate?
      qui oggi sembrava autunno!!!! :-(
      ;-)

      Elimina
  4. Ammetto di non aver letto mai nulla di questo autore. Questo titolo mi è del tutto nuovo, alri suoi libri li conosco di fama ma non li ho letti. Dovrò rimediare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stefania, se devo dire la verità ho letto solo un altro libro di Carlotto perchè il noir non è il mio genere, ma lui scrive davvero bene, in modo semplice e diretto, e solo per questo lo consiglio!

      baci

      Elimina
  5. Non conoscevo affatto la vicenda di Carlotto, ma ora che ho letto la tua recensione del libro in questione mi sembra davvero una storia tutta da leggere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alla fine degli anni 70 si parlava spesso del "caso Carlotto", quando gli fu concessa la grazia nel 93 io non sapevo niente di quanto era successo, la sua vicenda l'ho appresa solo dopo qualche anno. il tutto dev'essere poi inserito nel clima politico dell'epoca in cui solo perchè una persona faceva parte di Lotta continua era per forza un sospettato...
      si, sicuramente la sua storia è da leggere anche per capire com'era l'Italia allora ...
      baci

      Elimina
  6. Conosco Carlotto e questo libro piacerebbe molto al mio compagno, magari glielo regalo per il compleanno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mammozza, sono sicura che gli piacerà!!!! :-)

      Elimina
  7. Anche io devo selezionare. So che è sempre meglio il libro ma magari cerco il film. ho troppi libri da leggere e troppi in wish list e un po' questo tipo di storie mi angosciano. La recenione è bellissima e coinvolgente. ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci, ti capisco! anche il film ti darà un buon affresco di questa storia che a tratti sembra surreale. fammi sapere se lo vedrai! baci

      Elimina

Il tuo commento è prezioso per me, grazie per aver trovato il tempo per fermarti e condividere il tuo pensiero!

*** Ai post un po' datati ho applicato la moderazione altrimenti, con la testa che mi ritrovo, i commenti rimarrebbero nel limbo!***




LinkWithin

Related Posts with Thumbnails